L’EC ( Elimination Communication) ovvero “Senza pannolino dalla nascita, non dovrebbe essere visto come un training o come un insegnamento precoce dell’uso del vasino, ma semplicemente come un modo di comunicare, ma soprattutto ascoltare il proprio bambino.

Tenere i bambini senza pannolino fin dai primi mesi significa semplicemente non costringerli a imbrattarsi e rimanere immersi nei propri escrementi, ma aiutarli a espletare le proprie funzioni corporee in modo corretto (cioè rispondere a un loro bisogno come si fa con la fame, con il sonno, con il freddo, ecc.).

Significa instaurare una profonda comunicazione empatica con i bambini, con i loro bisogni e la loro via di manifestazione, e permettere loro di acquisire consapevolezza delle proprie naturali funzioni corporee.

Molti pensano che fare EC sia poco igienico ma è forse igiene lasciare che un bambino stia 24 ore al giorno per 2-3 anni impacchettato nei suoi escrementi? E’ una cosa salubre lasciare quella parte del corpo corazzata da ovatta, polimeri, plastica, sempre, qualsiasi sia la stagione?


Il pannolino NON è necessario al bambino, è comodo per noi che ci troviamo a non dover impiegare tempo e forze per comprendere le necessità fisiche del bambino, ed è pratico per noi che ci troviamo le feci già belle impacchettate e pronte per essere gettate.

Togliere il pannolino, anche nei primi mesi, non è mai una forzatura. La forzatura avviene quando, mettendo il pannolino in modo continuativo, implicitamente diciamo al bambino che quello è il luogo giusto dove scaricarsi e poi a un certo punto, verso i due o peggio tre anni glielo togliamo e gli diciamo apertamente che quello non è più il luogo giusto, che tutto quello che è successo prima è sbagliato, e che adesso ci si deve scaricare nel vasino.


In casi come questo, molti bambini reagiscono male e possono diventare stitici: è normale, per loro questa incongruenza è un trauma. Anche perché, portando il pannolino in modo continuativo (e non sentendo mai il bagnato, in caso di pannolini mono-uso), il bambino non ha mai avuto modo di allenare la sua naturale predisposizione ad apprendere il controllo degli sfinteri e acquisire la consapevolezza delle proprie funzioni escretive; è spinto ad apprenderle in fretta e tutto d’un tratto (è un contraccolpo che neanche un adulto sarebbe in grado di ammortizzare e porta necessariamente scompensi e difficoltà).

Alcuni lati positivi dell’ EC:

– aiuta il bambino a prendere coscienza anche delle parti intime del suo corpo da subito e a capire cosa avviene in quella zona

– assenza di arrossamenti del culetto e di funghi (candida) perchè i genitali del bambino respirano sempre, anziché rimanere “impacchettati” per anni.

– si risparmiano parecchi soldi

– il bambino impara a gattonare e a camminare senza essere infagottato dal pannolino

– si crea un ulteriore canale di comunicazione con il bambino

Iniziare non è facile, per questo grazie all’esperienza che mi sono fatta con entrambi i miei figli sono pronta a trasferire tutto quello che ho imparato, compreso i trucchi e modalità utili per semplificare questa pratica che vi stupirà!


70€ oppure 50€ + 20 ŠCEC – 1 consulenza da 1 ora. 

Videochiamata tramite Skype, whatsapp (o altri supporti) oppure classica telefonata. 

Luana Ciambellini

Open chat